Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

Le nobilissimi origini del BIDET.

Francia, 1700 circa un brillante inventore Christophe Des Rosiers crea il bidetto o cavallino data la posizione ed il suo utilizzo. Inizialmente il bidet nacque nelle case del cosiddetto piacere, per l’ovvia igiene che necessitava in quei luoghi, data la mole di lavoro delle zone intime di uomini e donne. Tuttavia si diffuse anche tra la nobiltà approdando a Versailles; venne introdotta alla Reggia di Caserta dalla regina Maria Carolina d’Asburgo-Lorena. Insomma a portare il bidet in Italia fu la dinastia borbonica ed usato da noi italiani tutt’oggi con enorme successo. Gli anglosassoni snobbano questo sanitario per noi importantissimo per l’igiene intima, infatti per errore molti paesi pensano che noi ci laviamo solo, lì! In realtà noi italiani oltre a farci la doccia abbiamo un’accurato senso della pulizia delle parti intime che non è capito in parecchie parti del mondo. In Inghilterra non c’è, in Francia in qualche casa, forse. Negli States se vuoi istallarlo ci vuole lo specialista e ti costa many many dollars; alcuni trovandoselo in casa o alberghi non sapendo come usarlo, gli fanno bere il cane o il gatto. Insomma il povero e amato bidet, è incompreso. Quasi il 100% degli italiani usano il bidet, seguiti da portoghesi al 92% poi spagnoli, greci, tedeschi, questi ultimi con il 6% di utilizzo. Ovviamente il design italiano è il migliore e ricercato in tutto il mondo. Comunque per noi italiani resta un accessorio indispensabile per l’igiene quotidiana. No bidet, no bagno.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci