Una passeggiata a TAORMINA tra arte, cultura, gusto, relax.

Se  Noto, Ortigia, Cefalù, Sciacca, Agrigento, Acitrezza, Catania, e Palermo ti sembrano pittoresche, allora Taormina ti farà esplodere. Combina una fantastica città collinare con una grande spiaggia e un’architettura incredibile.

Taormina è una città rivierasca situata nella Città metropolitana di Messina.  Il suo territorio affaccia sul Mar Ionio e si estende lungo la costa che va da Capo Sant’Andrea a Capo Taormina, dove si trovano spiagge di rilevante importanza turistica come MazzaròLido di Taormina ed Isola Bella.

Dopo aver fatto innamorare poeti e scrittori, Taormina affascina i milioni di turisti che arrivano in questo che Goethe ha definito il “lembo di paradiso sulla terra” per passeggiare, ammirare panorami mozzafiato, assaggiare la cucina tipica e trovare relax al mare.

L’antico Teatro Greco nel punto più prominente di Taormina, con una vista impareggiabile sulla costa calabrese, sulla costa ionica della Sicilia, insieme allo spettacolare cono dell’Etna. La parte più attiva è la sua scena. I sedili sono scolpiti nella roccia.

Palazzi presenti in città, rappresentano una vera e propria testimonianza del glorioso passato. Palazzo Corvaja è un bellissimo esempio di architettura quattrocentesca e prende il nome dalla famiglia che lo possedette dal 1538 al 1945. A seconda delle dominazioni nel corso dei secoli ha subito diverse modifiche: per esempio le merlature della torre sono arabe, le finestre sono gotiche e la sala dove si riuniva il Parlamento Siciliano è in stile Normanno. Oggi il Palazzo ospita il Museo Siciliano di Arte e Tradizioni Popolari.
Il  Palazzo dei Duchi di Santo Stefano,  interamente realizzato in pietra, è uno degli esempi di architettura normanna che meglio si sono conservati a Taormina. Costruito tra la metà del XIII secolo e l’inizio del XIV, nel Palazzo si trovano le caratteristiche del Medioevo siciliano, il quale mescola lo stile gotico a quello normanno, lo stile catalano a quello arabo. L’edificio, per giunta, affaccia su un giardino ricco di piante e contraddistinto dalla presenza di un pozzo che raccoglie l’acqua piovana.

Se non potete rinunciare alla vostra dose quotidiana di shopping,  Corso Umberto I  è la strada che fa al coso vostro: è tutto un susseguirsi di boutique e negozi, che vanno dall’alta moda al casual, e molte gioiellerie, per giunta ci sono tantissimi punti panoramici sul mare e sull’Etna. C’è da aggiungere che in tutto il Centro Storico, sono disseminati molte botteghe dove comprare souvenir artigianali in ceramica o di prodotti gastronomici tipici. Nella stagione estiva, si tiene il  Mercato di Piazza Duomo  il quale offre anche una vasta gamma di souvenir, con prezzi variabili: si va dalle statuine realizzate con la pietra lavica dell’Etna ai quadri che ritraggono il panorama taorminese.

Per entrare in città, devi parcheggiare al di fuori di esso. Ci sono dei piccoli autobus che ti portano lì. Quasi tutte le strade sono pavimentate in pietra.

Alfio Fabio Micalizzi
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Il Libro

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Paternò: Festival letterario.

3 Ott di Patrizia Orofino

Spaghetti alla “Ognina.”

21 Ago di Patrizia Orofino

Scacciata estiva, perchè no?

2 Ago di Patrizia Orofino

A’ pasta ncasciata alla messinese.

25 Lug di Patrizia Orofino

Il Diritto a portata di mano

Annunci