Umbria; il tracollo Grillino

Elezioni regionali in Umbria; saranno ricordate per la sonora sconfitta del M5S che dal 27,00 % ottenuto nel Marzo 2018 è sceso ad un misero 7% nell’ottobre del 2019. La sconfitta in Umbria è ancora più pesante perché fu il M5S ha volere le dimissioni della giunta di centro sinistra marginalmente toccata da una serie di scandali della sanità; al solito clientelismo, tangenti concussione ecc ecc. Ebbene dopo tutto questo il M5S si presenta in coalizione con il PD e altri partiti di sinistra.
Accentuando ancora di più il fossato che Di Maio e l’allegra brigata ha creato con il suo elettorato già sorpreso dal governo con la Lega per diventare imbufalito quando questa estate invece di andare ad elezioni si preferì l’accordo suicidio con il PD. E’ suicidio fù, dato che in queste ultime elezioni Regionali, sono scesi al 7% superati enormemente dal partito di Giorgia Meloni.
Di Maio in una recente intervista dichiara “mai più accordi con altri partiti , il nostro elettorato non lo accetta” bravo finalmente incominci a capire , però aggiunge “ovviamente il territorio è libero di scegliere” ma allora sei duro di comprendonio, innanzi tutto non esiste più il territorio le bandiere e i banchetti in strada sono finiti da un pezzo, poi quale autonomia del territorio se avete deciso sempre tutto dai vertici.
In pratica da queste elezioni si il centro Sinistra perde una sua regione storica come l’Umbria ma il PD ne rimane sostanzialmente un partito di peso forte del suo 22% perdendo poco più di un punto di % rispetto alle Europee, nel PD l’erosione del consenso non c’è stato, questo fa capire che con le scelte pazze dei Grillini il suo elettorato si riposiziona dal lato di provenienza.
Ma in Sicilia? La regione è lo zoccolo duro del consenso, si! c’è malumore , gli attivisti storici sono scomparsi però gli eletti soprattutto alla regione sono molto radicati sul territorio.
Certo un calo lo si avrebbe anche qua , però contenuto, mentre già si prevede una guerra aperta tra l’Eurodeputato Giarusso ex iena e il Vice Ministro Cancelleri uomo di Di Maio , uomo che ha accompagnato Di Maio nel tour in Umbria quindi anche lui visto come responsabile. Ricordo a tutti che in molti all’interno dei 5 stelle non hanno gradito il passaggio dalla vice Presidenza della regione a Vice Ministro, contravvenendo a uno dei principi fondamentali del movimento.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Il Libro

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Paternò: Festival letterario.

3 Ott di Patrizia Orofino

Spaghetti alla “Ognina.”

21 Ago di Patrizia Orofino

Scacciata estiva, perchè no?

2 Ago di Patrizia Orofino

Il Diritto a portata di mano

Annunci