Trionfale concerto dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” diretta dal maestro Riccardo Muti a Taormina

La cenere vulcanica ieri pomeriggio è caduta sul Teatro Antico di Taormina ma qualcuno ha ripulito tutto in fretta e furia per consentire il regolare svolgimento dello spettacolo in programma: il concerto dell’Orchestra Giovanile “Luigi Cherubini” diretta dal maestro Riccardo Muti.

Quella di ieri sera è stata una tappa della loro serrata e trionfale tournée estiva: il 10 luglio hanno suonato nella piazza antistante la Reggia di Caserta, il 12 si sono esibiti a La Fenice di Venezia, dopo 48 ore, eccoli ieri sera a Taormina e poi, il 16 luglio, a Ravenna…. no, per la verità non andrà così, quest’ultima data è saltata, rimandata al prossimo 2 settembre. Il maestro Riccardo Muti ha comunicato al Ravenna Festival “di essere proprio malgrado costretto a rinviare il concerto in programma venerdì 16 luglio alla Rocca Brancaleone dovendo affrontare un breve ricovero ospedaliero non rinviabile”. Auguri maestro!

Che avesse un problema fisico lo si è notato appena è entrato in scena. Ma sul podio il maestro Riccardo Muti è stato il direttore di sempre, con i tratti riconoscibili che lo hanno reso celebre: la gestualità misurata, espressione di un temperamento riflessivo; l’interpretazione nitida, frutto di rigore negli studi e di una seria concertazione; la compostezza formale, capace però di spingere l’immaginazione dell’ascoltatore verso l’infinito.

L’adamantina interpretazione della Sinfonia n. 9 di Franz Schubert ha mostrato direttore ed orchestrali aderire perfettamente alla medesima idea musicale, condivisa dopo una attenta e motivata analisi armonica e contrappuntistica. Se la perfezione è di questo mondo, Muti e la “sua” orchestra l’hanno raggiunta, o quasi, consacrandosi totalmente alla musica. Il pubblico, trafitto da tanta bellezza, li ha applauditi. Una ovazione.

La Sinfonia dell’opera “Norma” – e non poteva essere altrimenti – ha aperto il memorabile concerto. Il maestro Muti ha voluto così omaggiare il Cigno catanese ed il BellininFest organizzato dalla Regione Siciliana, che entrerà nel vivo il 6 agosto. Come bis ha riproposto lo stesso brano belliniano ed ho l’impressione che l’interpretazione sia stata leggermente diversa rispetto alla prima: più energica ed incisiva, con i druidi risvegliati, mentre tre improvvise folate di vento agitavano lo spartito sui leggio. Magico.

Il maestro Muti, che non ama gli intervistatori improvvisati, a fine spettacolo ha dialogato spontaneamente con il pubblico dicendo: “Dobbiamo esaltare la cultura del nostro Paese. Abbiamo degli obblighi verso la civiltà artistica, musicale e letteraria che ha fatto grande l’Italia, una nazione che è amata, lodata e anche…. invidiata dal resto del mondo” (… e che rosica per l’esaltante vittoria dell’Italia agli Europei di Calcio).

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci