Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

Tango Festival… un mare di musica

CATANIA – Durante i giorni più caldi dell’estate, illuminato da una luna piena grandissima, impreziosito dallo spettacolo dell’eclissi della stessa, il Festival del tango di Sicilia è proseguito offrendo ogni sera musica dal vivo e l’esibizione dei maestri più acclamati e di fama internazionale assolutamente indiscussa. Insomma, questa XVII edizione, non solo ha offerto un programma denso di avvenimenti, ma si è arricchito di spettacoli che forse solo la nostra Sicilia può offrire così spontaneamente…
All’Hotel “Romano Palace”, in cui si svolgono le lezioni ed i seminari di tango, in mezzo un và e vieni senza tregua, il direttore artistico del festival, Angelo Grasso e la maestra Donatella Grasso che si occupano personalmente delle operazioni di accoglienza, registrazione ed indirizzamento alle lezioni hanno spiegato cosa è accaduto nelle due giornate e soprattutto le due notti della vigilia e del Ferragosto:
“Il programma del XVII Festival Internazionale del Tango di Sicilia è andato avanti con un fittissimo calendario di appuntamenti anche e soprattutto nei giorni 14 e 15 Agosto, i più attesi dell’estate, sinonimo di vacanze, libertà e, in Sicilia, equazione ormai indissolubile con il tango.
Lunedì 14 si è aaperto con un’altra sessione di stage tenuti dal cast stellare di Maestri Argentini, al Romano Palace, dalle poi tutti nella Terrazza dell’Hotel Royal in via Sangiuliano a Catania, immersi nel Barocco siciliano patrimonio mondiale dell’Unesco. Volontà dell’organizzazione, infatti, è stats mostrare al pubblico nazionale e internazionale che ogni anno raggiunge Catania per partecipare al Festival, i più bei luoghi della città dove ballare il tango. A ulteriore testimonianza di quanto il Festival di Caminito Tango sia valido a livello di immagine turistica per la città etnea. Il Tango Dj della domenica pomeriggio è stato Marcelo Rojas. L’evento principale della giornata, però, è stato la Notte di Ferragosto no limits – aspettando l’Alba in riva al mare, alla “Plaza” del Lido Azzurro E mezzanotte, sotto i fuochi d’artificio del Ferragosto, occhi puntati sullo show dei grandi ballerini, i “Padrini” del Festival, Lucila Cionci con Joe Corbata e Ariadna Naveira con Fernando Sanchez, preceduti dalla Milonga degli aficionados accompagnati dalle suadenti note live di Harmony Budapest Orchestra. Tango Dj della serata: Marcelo Rojas vs Gabriel Sodini.
Il Festival è proseguito anche a Ferragosto oltre agli stage quotidiani, preziosi e affollatissimi, fino al tardo pomeriggio, al Romano Palace, ancora una milonga “cittadina” nell’Hotel Royal, con Pietro alla consolle. Poi di nuovo in pista alla “Plaza” del Lido Azzurro con la Milonga accompagnata dalla musica live dell’Ensamble Mariposa (Marisa Mercadè – bandoneon / Sandra Rumolino – voce).
Infine Show dei Maestri – La Milonga de Los Maestros, Neri Piliu – Yanina Quiñones e Joachim Dietiker – Michelle Marsidi, altre due coppie inossidabili del Festival del tango di Sicilia.
Musicalizador della serata: Dj GUS, 100% vinile. Le documentazioni fotografiche di Michele Maccarrone>>
Il forte tasso d’umidità dei giorni scorsi non ha fermato gli amanti di questo articolato ballo che permette alle donne di sentirsi principesse ed agli uomini cavalieri senza macchia e senza paura: una passione trascinante, scandita dalla musica di orchestre antiche e contemporane ; Pugliese, Piazzolla, Di sarli, D’Arienzo, Troilo e Pugliese, De Angelis, Francisco Canaro, Gardel, Cadicamo. Che sia tango milonghero (abbraccio stretto, adatto alle sale più affollate), o tango saloon (abbraccio più ampio) o tango show (con movimenti più articolati), ciascuno col tempo e l’esperienza e soprattutto prestando ascolto alla musica, attenzionando gli strumenti, matura un proprio stile, un proprio tango, cosicchè in milonga l’imperativo categorico è solo uno: muoversi in senso antiorario e ballare!
Insomma, il Catania Tango Festival ha permesso ai suoi numerosissimi ospiti (più di tremila persone registrate in diversi alberghi della città) di trascorrere un ferragosto all’insegna del divertimento, della spensieratezza, della cultura e dell’eleganza… insomma un ferragosto patinato!

guestauthor Autore
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci