Ricetta fresca, anzi freschissima: A’ pasta che taddi da’ cucuzza longa.

E’ arrivata la stagione estiva e per noi siciliani, i piatti tipici non possono mancare; A’ pasta che taddi da cucuzza longa, è infatti un piatto storico siciliano leggero e gustoso, ricco di anti ossidanti, sali minerali e vitamine. La pianta da cui derivano i tenerumi, (così chiamati in lingua italica)è il zuccotto da pergola, infatti è necessario costruire un pergolato dove la zucca a serpente, possa crescere allungandosi. Andiamo agli ingredienti che occorrono per cucinare la pasta, precisando che, eccezionalmente il procedimento verrà scritto in lingua siciliana, per ovvie ragioni di “liscia catanese.”

Ingredienti per 4 persone:
5 foglie di tenerumi, 1 spicchio d’aglio, 2 pomodori sammarzano o datterino, olio EVO, pepe nero, sale q.b. e la pasta: consiglierei il corallino oppure lo spaghetto spezzato o gli ziti.
Procedimento:
Signuri mei si vuliti cucinari sta pitanza, susitivi cca’ matinata, picchì s’annunca vi veni quacche stubbu (mancamento di natura pressoria nota come ipotensione)e vi putissuru arimuddari i iammi! Pigghiati i taddi da cucuzzedda, ci tagghiati u trunziceddu ca c’è all’iniziu da fogghia e i mittiti a moddu all’acqua fridda ppì nquattu d’ura; sciaqquatili boni picchi i fogghi de taddi non sù lisci sunnu comu u villutu e picciò s’accucchia terra ie pruvulazzu(polvere)ppi essiri sicuri, ata taliari l’acqua quannu i sciaqquati, su o’ funnu c’è terra non su pulizziati boni nsistitici, putroppu su caddaciusi. ( difficili da pulire) Pigghiati nscula pasta iè i mintiti a sculari; ndò mentri pigghiati na pignata unni appoi ci putiti cucinari a pasta ccù tutti i ngridienti; ntà na pignatenna faciti ugghiri tanticchiedda di iacqua, appena ugghi c’iastutati e ci mintiti i pummaroru, ata fari nà trasuta ie na nisciuta tantu ppi livarici a scoccia(procedimento di pelatura dell’ortaggio) dò pummaroru, appena iè scucciatu, tagghiatilu a pizzudda giusti e mintitulu di latu; spicchiati l’agghiu e u mintiti a friiri ccu l’ogghiu d’alivu, non ci nni mintiti assai ca veni nzivusa( eccesso d’olio che risulterebbe pesante) appena l’agghiu ie bellu adduratu ci calati u pumaroru facitilu cociri a focu lentu ppì 10 minuti e appoi ci mintiti l’acqua iè u sali, ariulativi a iocchiu picchì cià bastari mcari ppi farici a pasta. Appena ugghi ci calati i taddi tagghati n’dui(tenerumi tagliati in due) iè comu arriugghi nautra vota ci calati a pasta. Astutatici 5 minuti prima ri ntavulalla(servirla in tavola)accussi’ non si scoci. Prima di mangiarivilla facitila arrifriddari n’pocu allura c’è u piriculu pa caloria d’abbambari vivi(scottarvi la lingua) A’ pasta iè pronta…arricriativi prima ccò ciauru iè appoi tastatila alleggiu alleggiu ppì gudirivi u’ sapuri (assaggiatela pian pianino per gustarne i sapori)di n’piattu nostranu, china di culuri e ciauri priziusi, ca’ sannu iè sunnu a ricchizza dò nostru cori e ù fruttu di l’amuri di npezzu di terra di stu munnu chiamata Sicilia.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci