Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

PESCA: Prosegue l’agitazione dei pescatori e si estende dalla Puglia al resto d’Italia. Lunedì 14 ottobre 2019 nuovo presidio a Bari

Non si ferma l’agitazione dei pescatori in sciopero dal 26 settembre contro le norme europee. Nei giorni scorsi la protesta si è estesa anche alla Sicilia e alla Calabria. Dopo il blocco della statale 106 avvenuto per mano di centinaia di manifestanti, venerdì scorso a Corigliano, in provincia di Cosenza, lunedì 14 ottobre i PESCATORI TORNANO A MANIFESTARE A BARI con un presidio sotto la REGIONE PUGLIA dalle ore 10 alle ore 13.

I lavoratori delle Imprese di Pesca insieme agli Armatori chiedono da giorni un incontro con le autorità italiane affinché si facciano
portavoce a Bruxelles dei disagi provocati dalle leggi comunitarie. Tra i provvedimenti più ottusi in vigore, quello che impone una dimensione della maglia troppo larga e non adatta al nostro mare. Le dimensioni dei nostri pesci adulti sono di molto inferiori a quelle imposte dai limite dall’Unione Europea. I totani, merluzzi, moscardini, gamberi e altre delizie che vengono pescati con lo strascico
non sarebbero nei piatti di tutta Italia  – sostengono i pescatori di Manfredonia –  se seguissero alla lettera le normative europee.

L’ A.P.M.P. – Associazione Pescatori Marittimi Professionali  – già da anni sostiene il fatto che occorre istituire un “vero”  Osservatorio della Pesca Italiana per l’ Europa, quindi utile a dare le giuste e dovute informazioni al Parlamento Europeo che magari non conosce le realtà dell’intero territorio nazionale che si differiscono di molto dalle realtà di Pesca Oceanica e delle grandi navi industria.

I pescatori sono i primi tutori e custodi del mare, conoscono più di altri le soluzioni per la difesa dell’ambiente e per la riproduzione ittica, ma, purtroppo, mai nessun pescatore vero è stato “interpellato” per dare idee e suggerimenti che spesso vanno oltre certi tipi di studi spesso “pilotati” o non conformi alla verità.

In Italia spesso si è pensato a distribuire soldi a pioggia per finanziare progetti di promozione del pescato, per la creazione di marchi di qualità del pescato – spesso sconosciuti agli stessi operatori e consumatori, ma in effetti non si è mai valutata l’ipotesi di sviluppo delle risorse ittiche, di sviluppo delle imprese di pesca e dei lavoratori, di giusta tutela dell’ambiente marino (si ricorda ad esempio che in Sicilia erano stati istituiti  n. 12 Consorzi di Ripopolamento Ittico – pure in montagna –  e, costavano oltre n. 2 milioni di euro all’anno senza avere mai avanzato alcuna proposta concreta, se non la gestione di   Fondi  per  la  promozione del   “Pescato di Sicilia”  –  marchio che ha ottenuto oltre n. 100 milioni di Euro).

La  Federazione Armatori Siciliani  sentiti gli armatori della Sardegna, della Calabria e della Puglia  ha programmato per martedì 15 ottobre un’assemblea all’interno del Porto di Catania al fine di valutare ipotesi di manifestazioni di protesta a sostegno dei colleghi di Manfredonia e dell’intera Puglia.

Pescatori e Armatori chiedono alla politica maggiore rispetto e, non vogliono più essere manovrati da strategie di bandiera.

Al Comparto Pesca serve solo un piano di programmazione, diritto al futuro e serietà

 

Alfio Fabio Micalizzi
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci