Politica: No del Senato alla legge Zan contro l’omotransfobia.

E’ tutto finito, il ddl Zan è stato bocciato dal Senato con 154 voti no e 131 si. Delusione cocente per quella parte di politica progressista che ha provato a far fare un passo di civiltà al nostro paese. Nulla da fare, adesso c’è da chiedersi: perchè il voto segreto? Hanno avuto paura di metterci la faccia? Ancora una volta i nostri rappresentanti politici, hanno dimostrato di essere retrogradi rispetto ai cittadini che li hanno votati. Ricodiamo che, la legge Zan non è stata programmata e studiata solo contro l’omotransfobia, ma per tutti quegli atti di violenza fisica e verbale rivolta ai più deboli. Contro il bullismo, contro violenze gratuite per le quali le leggi attuali sono insufficienti e deboli. Esultano, quelle figure politiche che si presentano a difendere la famiglia tradizionale, senza tenere conto delle scelte personali di ogni singolo cittadino. La legge Zan avrebbe apportato una vero cambiamento nel rispetto di tutti. Cosa avrebbe tolto se fosse stata applicata? Lo stipendio a qualche politico? Oppure saremmo diventati una generazione di viziosi e degenerati? No, nulla di tutto questo. Avremmo conquistato, rispetto per chi subisce e supporto alle vittime. Qualcuno disse che, nel mondo non manca la libertà, mancano uomini liberi. La libertà personale, è stata nuovamente calpestata ed i diritti accantonati. Ognuno di noi ha un concetto liberale che tocca le proprie scelte. Se per dirsi liberi devo omettere la libertà di scelta altrui, allora preferisco rimanere schiavo.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci