Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

Pienone al Teatro Massimo Bellini per il recital di Francesco Nicolosi e Uto Ughi

Questo è il resoconto di un trionfo. Il duo Francesco Nicolosi al piano e Uto Ughi al violino ieri sera ha riscosso, come era prevedibile, un gran successo al Teatro Massimo Bellini, traboccante di pubblico. Entusiasti e generosi gli applausi. Oggi si replica al Teatro Garibaldi di Modica, con lo stesso programma: la Sonata per violino e pianoforte n. 5 “La Primavera” di Beethoven e la Sonata per violino e pianoforte in La maggiore di Cesar Franck.

Il recital si è concluso con bis dalle sonorità iberiche: la vibrante Serenata di Pablo di Sarasate ha condotto l’ascoltatore nella Spagna moresca, mentre le allusioni stilistiche spagnoleggianti erano contenute nella Introduzione e Rondò Capriccioso del compositore francese Camille Saint-Saëns. La Ridda dei Folletti, di Antonio Bazzini, – altro bis – ha evocato invece l’Europa del Nord, dove fiabe e leggende si ispirano agli elfi ed ai silfi, agli gnomi ed ai folletti: ascoltando il brano sembrava di vederli saltabeccare nei boschi.

Tuttavia, più che un viaggio geografico, quello proposto dal recital dei maestri Nicolosi ed Ughi è stato una esaltante esplorazione dei sentimenti che palpitano nell’interiorità dell’essere umano. I due strumenti, piano e violino – mercé la finezza espressiva degli esecutori – sono le diverse voci dell’animo umano e, dalla loro dialettica e mutevole progressione ritmica, scaturisce tutto il processo delle esperienze interiori: l’erompere delle passioni, lo sconforto e l’amarezza, la fiducia e la speranza, l’amore come anelito verso l’infinito.

Emblematica, al riguardo, la Sonata di Cesar Franck, che ha come elemento essenziale, come struttura portante fondamentale, la forma ciclica: i temi variati e trasformati si rincorrono con continui mutamenti ma, alla fine, resta costante un elemento musicale di fondo, così come nella vita di ognuno di noi vi è una persistenza, un elemento guida, un motivo conduttore, che ci accompagna dal primo all’ultimo giorno della nostra avventura umana. Chiamiamolo pure temperamento oppure destino individuale.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci