“Parliamo di Donne”: Cristina Coco, colta studentessa di “Onicotecnica”

Oggi mi piace parlare di questa giovanissima donna:

Cristina Coco, ventuno anni, bruna con grandi occhi di velluto nero. A parlarle, si scopre una moderna ragazza d’altri tempi: gli antichi valori su cui si fonda la sua educazione, la pongono in ogni caso in una dimensione un po’ distante rispetto a quella di alcuni coetanei. Perciò, a volte si sente sola, sola in questo mondo fatto di contatti virtuali, rimpiange il tempo delle grandi compagnie, quando per divertirsi bastava ritrovarsi in piazza e stare insieme a chiacchierare guardandosi in faccia. Cresciuta in una famiglia in cui alle riunioni domenicali si supera il numero di trenta coperti, ciò che aspira ad ottenere, oltre la propria affermazione professionale, è un amore vero e rassicurante che le confermi il forte senso di appartenenza verso la famiglia che la sua famiglia le ha trasmesso. E’ sensibile e cerca la verità nelle persone e non riesce a concepire rapporti d’amicizia e sentimentali privi di coinvolgimento, di stima e di franchezza. Cristina ama sorridere, ama viaggiare, ama le sue radici, ama gli animali e la natura, ama sognare e progettare. E ama il percorso di studi che ha scelto con la testardaggine che la contraddistingue: ‘l’Onicotecnica’. Da sempre brava a scuola, diplomata al Galileo Galilei con 90/100, tutti si aspettavano che si sarebbe iscritta all’Università e lei lo ha fatto: entra in “Scienze Farmaceutiche applicate”, sostiene diversi esami con ottimi voti. Ma in ciò che studiava mancava qualcosa, tutta quella parte creativa a cui la sua personalità aspirava; e più cercava di farsene una ragione del percorso scelto (in ogni caso con obiettività perché desiderava specializzarsi in “logopedia”) e più i suoi sogni si affermavano prepotentemente. Timorosa di dare un dispiacere alla mamma, si confida col padre che la spinge a fare ciò che vuole dal profondo del cuore. Così, adesso, la brillante studentessa liceale, la brillante studentessa universitaria, studia per diventare una brava “onicotecnica” e coltiva il sogno di aprire un centro tutto suo e, perché no, d’insegnare a sua volta.

– Chi o cosa l’ha indirizzata verso l’arte dell’onicotecnica?
“L’Onicotecnica è una figura che letteralmente significa “tecnico delle unghie”; al giorno d’oggi, sebbene più diffusa perché sempre più donne vi ricorrono per tenere le mani in ordine, è ancora sottovalutata. Mi auguro che un domani possa essere riconosciuta a pieno titolo. La mia passione nasce sin da piccola, quando adoravo farmi i disegnini sulle unghie e man mano riuscivo a fare sempre meglio, perfezionandomi, al punto che spontaneamente le amiche mi chiedevano di fare da cavie. Il divertimento negli anni si è trasformato in studio e approfondimento costante verso le tecniche ed i materiali insieme alla mia naturale e personale sperimentazione. Ho frequentato vari corsi di formazione che mi hanno permesso di acquisire le conoscenze che mi servono per arrivare un domani ad essere il massimo nel mio ambito.”

– Ritiene che oggi i mestieri siano trascurati, ad appannaggio di carriere universitarie immotivate?
“I mestieri sicuramente più trascurati sono quelli più antichi, quelli artigianali ed alcuni ormai sono del tutto estinti; è vero che lo studio, la conoscenza ha portato innovazione nel mondo del lavoro e crea sviluppo e sempre nuove figure professionali. Ma questo non significa che gli studi superiori diano garanzie e certezze e soprattutto carriere felici, per affermarsi nel mercato del lavoro. Il titolo molto spesso lo si raggiunge senza aver ben chiaro un obiettivo e si finisce per sprecarlo lavorando in call center o ai centri commerciali come promoter o commessa sfruttata e sottopagata. Mi piacerebbe pensare ad un mondo che abbia altri strumenti formativi più innovativi e più allargati, senza necessariamente veicolare attraverso le solite università.”

– Dal momento che lei è tanto giovane, posso chiederle come si vede fra dieci anni?
“Tra dieci anni spero di essere una donna che abbia già una famiglia e sia riuscita costruire il suo business. Sto studiando e facendo pratica nel campo estetico e non mi fermerò fino a quando avrò raggiunto la conoscenza e l’esperienza necessaria per raggiungere il mio sogno.”

– Una donna d’oggi cosa vuole veramente dalla vita?
“Le donne oggi in generale cercano prima di tutto l’indipendenza. Peccato che molto spesso scadono per questo, accettando ogni tipo di compromesso; oppure per la voglia di apparire sfiorano il ridicolo, cercando qualsiasi vetrina social o televisiva. Dall’altra parte della medaglia, ci sono donne che hanno raggiunto livelli manageriali invidiabili, ci sono donne impegnate socialmente e politicamente, donne scienziate, donne che fanno ricerca, donne astronaute, donne militari, la lista è lunghissima e per fortuna sono finiti i tempi in cui le donne facevano solo le segretarie o le commesse. Tuttavia, ancora non hanno le stesse opportunità e gli stessi riconoscimenti economici degli uomini, ma questo non le fa smettere di lottare e di affermarsi sempre più numerose giorno dopo giorno. Le donne che ammiro oggi sono quelle che lottano e conquistano il loro posto nel mondo senza per questo rinunciare alla gioia di una famiglia ed io sarò una di loro.”

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Il Diritto a portata di mano

Annunci