Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT83L0538726201000047571528 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

Il manifesto del G7: uno schiaffo per i siciliani

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore, con la presentazione del manifesto del G7, è un vero e proprio attacco alla nostra terra, un’umiliazione che colpisce i siciliani al cuore. Diciamolo chiaramente: vivere con culture che si ritengono moderne, ma che deridono la cultura latina e mediterranea stereotipando i siciliani come popolo incivile e maleducato inizia a dare fastidio perchè tanti cliché risultano essere falsi e di cattivo gusto.
Il G7 che si terrà i prossimi 26 e 27 maggio a Taormina sarà l’occasione per valorizzare la nostra terra, dando una visione positiva, ed è stato proprio l’ex premier Renzi a voler spostare questo evento da Firenze in Sicilia.
«Un offesa alla Sicilia e ai siciliani – ha commentato Francesco Tanasi segretario Nazionale del Codacons -. Se si volevano ferire la Sicilia e i siciliani, si poteva aggiungere anche la lupara. E’ un’offesa per tutti i cittadini siciliani perchè chi ha commissionato questa locandina li ha disegnati come non sono, utilizzando stereotipi vecchi di decenni e superati che fanno male alla Sicilia e ai siciliani».
«E’ un’immagine impropria – ha aggiunto Tanasi – che descrive una Sicilia che non esiste, legata a stereotipi vecchi di decenni e superati. E’ un’abuso alla Sicilia e ai siciliani. Ci hanno offeso tutti. Per questo motivo faremo un’esposto alla Corte dei Conti affinchè il costo della locandina venga addebitato a chi l’ha autorizzata e non gravi sulla collettività».
Si dice indignato anche il Presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone che intende scrivere al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni per chiedere, il ritiro immediato della foto. Ardizzone ha aggiunto: «Manderò una lettera formale di protesta al premier Gentiloni. Agli attacchi delle tv nazionali sono abituato, ma non rassegnato, di certo non avrei mai immaginato di dover prendere le distanze da uno spot per il prossimo G7. Mi auguro si sia trattato di un errore e per questo chiederò formalmente alla Presidenza del Consiglio di ritirarlo. Alimentare i soliti stereotipi sui siciliani non giova a nessuno tantomeno ad un Italia che intende ripartire».

guestauthor Autore
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci