La Polizia denuncia padre e figlio titolari di una nota tabaccheria del centro. Rubavano energia elettrica dal 2016

Nella trascorsa giornata personale dipendente del Commissariato Sezionale “Borgo Ognina” ha indagato in stato di libertà i titolari di una nota tabaccheria ubicata in pieno centro cittadino, poiché ritenuti responsabili del reato di furto aggravato di energia elettrica. Nello specifico i due titolari della tabaccheria, rispettivamente padre e figlio, al fine di conseguire un considerevole risparmio sui costi della bolletta della luce della loro rivendita di tabacchi, manomettevano il contatore dell’Enel, facendo risultare consumi considerevolmente inferiori rispetto a quelli realmente effettuati, di modo da abbattere i costi della bolletta elettrica di circa il 50%.
I poliziotti del Commissariato, avvalendosi dell’ausilio di personale specializzato, una volta accertato che il furto di energia andava avanti dal 2016, ponevano fine a tale riprovevole condotta delittuosa, deferendo all’autorità giudiziaria i parenti furbetti della bolletta.
Quella del furto di energia elettrica è una tipologia di reato oggi molto diffusa, tuttavia i capillari controlli effettuati dalla Polizia di Stato unitamente a personale Enel, stanno permettendo di porre un drastico freno a tale pratica illecita, punita dal codice penale con una pena piuttosto severa che può arrivare fino a sei anni di reclusione.

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci