Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

La morale doppiopesista dei benpensanti

Carol Maltesi, la ragazza uccisa in Brianza a martellate, aveva un figlio, era diplomata alle Orsoline, faceva la steward di terra a Malpensa e da un anno a questa parte aveva deciso di arrotondare girando film hard.

Era una donna e una madre.

Tutti i giornali hanno titolato “attrice hard uccisa dal compagno”.

Come se quasi fosse una morte di serie B, proprio perché attrice hard.

Un comico politicamente corretto, tal Pietro Diomede – definito persino artista – di Zelig, è arrivato addirittura a fare questa battuta: “Che il cadavere di una pornostar fatto a pezzi venga riconosciuto dai tatuaggi e non dal diametro del buco del cu*o non gioca a favore della fama della vittima”.

Allo stesso modo la compagna di Putin viene definita l’amante di Putin. A nessun giornalista benedicente, benpensante e politicamente corretto è mai venuto in mente di definire Nilde Iotti “amante” di Togliatti o Alba Parietti “amante” di Stefano Bonaga.

Credo che le donne vadano rispettate sempre.

Qualunque lavoro abbiano deciso di fare e chiunque sia il loro compagno.

E soprattutto vadano rispettate dopo una morte così atroce.

 

 

Matteo Licari Autore
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci