IL SESSISMO LEGHISTA E LE RADICI CULTURALI DELLA VIOLENZA DELL’ ASCARO FIGUCCIA!

“ Assistiamo in queste ore ad una polemica del tutto sterile e pretestuosa sulla composizione del governo regionale e sull’assenza di donne in Giunta. Ciò che conta non è ciò che gli assessori hanno in mezzo alle gambe ma ciò che hanno in mezzo alle orecchie. E soprattutto come lo usano per il bene dei siciliani”.“
Le affermazioni sessiste del neoleghista siciliano Figuccia sono impietose e devastanti, e testimoniano quanto sia discriminatoria e nemica delle donne l’essenza della Lega e degli ambienti fascisti ad essa collegata. Sono la fotografia di una società patriarcale che si fonda e nutre di disuguaglianze di genere: in primis nel mondo del lavoro, dimostrando ancora una volta che le donne non sono soggetti fisiologicamente deboli e bisognosi di protezione ma persone discriminate e sfruttate. Una disuguaglianza che ha la punta dell’ iceberg nel gap salariale, nella femminilizzazione del lavoro e nel grande rimosso delle molestie dentro i luoghi di lavoro. Una discriminazione che vorrebbe relegare la donna ad angelo del focolare e fattrice senza alcuna libertà di autodeterminarsi e che non riconosce il ruolo fondamentale della riproduzione sociale come strumento di welfare familistico. Ma vi è di più: identificare una persona con i suoi genitali fa parte di quelle radici “culturali” che legittimano la violenza, trasformando la donna in un oggetto .
Tali affermazioni sono atti di estrema gravità istituzionale in quanto volte al tentativo di minimizzare e banalizzare un contesto di vera e propria rimozione della rappresentanza femminile dentro la Giunta Regionale Siciliana, con ciò cancellando principi giuridici che dovrebbero essere non solo rispetto delle Leggi ma patrimonio comune e acquisito. La Lega è un ritorno al Medioevo in servizio permanente effettivo.
Figuccia e quelli come lui, infatti, vorrebbe fare delle donne lo strumento per l’abbassamento dei diritti e delle tutele per tutte e tutti, che prevede per le donne il ritorno tra le mura domestiche.
La Federazione del sociale USB Sicilia, condannando le affermazioni dell’ascaro Figuccia, ne chiede le dimissioni immediate e invita tutte le donne e gli uomini di Sicilia alla massima attenzione sociale e politica perché, approfittando del lungo periodo di pandemia, in Sicilia,, e non solo, stanno crescendo quotidianamente gli attacchi ai diritti civili e sociali.

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci