Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

I CONTROLLI DELLA POLIZIA DI STATO

Nei giorni scorsi, personale del Commissariato Librino ha eseguito controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di competenza e, nella circostanza, sono stati controllati anche numerosi soggetti sottoposti a misure restrittive e ricercate autovetture rubate.
A tal riguardo, sono state contestate otto evasioni, eseguito un ordine di custodia cautelare in carcere per i reati di maltrattamento in famiglia e stalking, tratto in arresto un soggetto di 56 anni su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Catania. Inoltre, un uomo di 69 anni è stato sottoposto alla misura della carcerazione dall’ufficio del Tribunale di sorveglianza di Catania in sostituzione della misura dell’ affidamento in prova dei servizi sociali per il reato di furto aggravato, eseguito, altresì, un ammonimento a firma del Questore per violenza domestica, un altro soggetto è stato indagato per maltrattamenti in famiglia.
Particolare rilievo assume il controllo eseguito in Viale Castagnola che ha consentito di indagare in stato di libertà un pluripregiudicato di anni 33, responsabile dei reati di violenza, oltraggio, resistenza, lesioni a pubblico ufficiale, invasione di edifici pubblici e ricettazione; lo stesso, all’alt polizia, si rifiutava di farsi identificare opponendo una resistenza attiva e, nel contempo, fuggiva abbandonando un’autovettura rubata il giorno prima ad Acireale. L’autovettura è stata restituita al legittimo proprietario. Il malfattore risulta anche avere occupato abusivamente, assieme alla convivente, un immobile e un altro locale di proprietà del comune di Catania; per tale motivo, entrambi indagati. Ulteriore attività ha consentito di indagare in stato di libertà due soggetti per l’inottemperanza delle prescrizioni in materia di DASPO, un altro per il reato di violazione colposa dei doveri riguardanti la custodia di cose sottoposte a sequestro penale, un ‘altra persona per inottemperanza ad un provvedimento legalmente dato dall’autorità di Pubblica Sicurezza, uno per il reato di false dichiarazioni sulla propria identità personale e, ancora, sono state rinvenute diverse carcasse di autovetture, di provenienza furtiva, abbandonate da ignoti malfattori nel verde pubblico creando anche un presunto danno ambientale.
È stato anche indagato in stato di libertà un soggetto per il reato di invasione di terreno pubblico (via pubblica): lo stesso, a causa di problemi condominiali legati all’ utilizzo dell’ ascensore, ha realizzato illegalmente una scala in ferro che collega il balcone del suo immobile ubicato a un primo piano direttamente con la via pubblica (in modo da non avere a che fare con i condomini e avere un accesso “privato”. Tale condotta, chiaramente, ha alterato la facciata dello stabile e, circostanza grave, ha occupato parte della strada pubblica mediante una base in cemento necessaria per incassare la scala, creando, inoltre, problematiche alla circolazione stradale e limitando la possibilità di parcheggiare ai residenti.
Sono stati effettuati numerosi controlli su strada di persone.

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci