Differenziata: quasi tre punti percentuali in più in un mese

CATANIA – «Siamo soddisfatti perché la percentuale della raccolta differenziata a Catania è cresciuta soltanto nell’ultimo mese di quasi tre punti percentuali passando dal 10,88 al 13,23%». Lo ha detto il sindaco di Catania Enzo Bianco commentando i dati relativi alla raccolta differenziata in ottobre diffusi dalla Direzione Ecologia e Ambiente del Comune.
«Soltanto nell’ultimo mese – ha sottolineato il Sindaco – l’incremento della differenziata è stato di 600 tonnellate. Qualcosa, insomma, comincia a cambiare, in attesa di avviare il nuovo appalto per la gestione della raccolta dei rifiuti e dello spazzamento. La gara sta per essere pubblicata».
L’assessore all’Ecologia Rosario D’Agata ha ricordato come la raccolta differenziata porta a porta nella parte della Città gestita direttamente dal Comune – circa un terzo della città – ha preso il via, con la collaborazione del Conai, il 30 novembre del 2015.
«Adesso – ha detto D’Agata – stiamo espandendo gradualmente il sistema, sviluppando alcune nuove direttrici come il mercato di piazza Carlo Alberto che sta andando bene. Da gennaio a oggi la raccolta è cresciuta progressivamente passando da 1.500 a 2.600 tonnellate. La chiave è quella del coinvolgimento dei cittadini. Nei prossimi giorni sono previsti diversi incontri nelle scuole dell’area interessata alla Differenziata e anche in alcune parrocchie. Agli studenti e ai cittadini spieghiamo che differenziare i rifiuti comporta risparmi personali e collettivi. Non tutti per esempio sanno che, conferendo nelle due isole ecologiche aperte a Catania, in viale Tirreno e in via Gianni a Picanello, si può ottenere una riduzione nel pagamento della Tari esibendo la ricevuta rilasciata. Inoltre spieghiamo quanto sia importante che i cittadini rispettino il calendario dei rifiuti e conferiscano rifiuti non contaminandoli, come a volte avviene».
Tra i dati positivi del report di ottobre, D’Agata ne ha sottolineato anche uno negativo: «La recrudescenza del numero dei pendolari che portano a Catania rifiuti da paesi del circondario».
«Il fenomeno – ha spiegato l’Assessore – che porta anche alla creazione di microdiscariche, sembrava essersi attenuato, tra alti e bassi, grazie alle multe dei Vigili ambientali. Adesso intensificheremo i controlli utilizzando anche telecamere piazzate nei pressi delle microdiscariche».

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci