Coronavirus: la Sicilia corre ai ripari.

-“Siamo preoccupati dalle oltre trentamila persone giunte in Sicilia ed auto registratosi negli ultimi dieci giorni. Ma quante altre migliaia di persone sono entrate nell’isola senza avvertire la stesa responsabilità e la stessa prudenza?”- Così il Governatore della Sicilia, Nello Musumeci dichiara preoccupato, una situazione che sta diventando sempre più delicata sul nostro territorio; in virtù di questo Musumeci, ha deciso di chiudere tutti i collegamenti nazionali ed esteri, sia aerei che automobilistici interregionali e dei trasporti marittimi ad eccezione del trasporto merci verso la Sicilia. Musumeci inoltre ha chiesto ai Prefetti di poter incrementare la vigilanza nei punti strategici dell’isola attraverso l’impiego di circa 7 mila uomini e donne dell’Esercito. Le forze dell’ordine attive al territorio, risultano insufficienti a controllare l’ordine pubblico, così il Governatore intende aiutare il più possibile la vigilanza in punti cardinali della Sicilia, monitorando gli arrivi e le partenze ma anche eventuali situazioni di disordini e rappresaglie che potrebbero verificarsi. Sul piede di guerra anche altri Governatori, tutti del meridione che,lamentano all’attuale governo centrale il collasso del sistema sanitario, chiedendo strumentazioni sanitarie per la rianimazione e mezzi di protezione personale, rimproverando inoltre, la mancanza di controllo ferreo sui collegamenti verso il sud prima dell’esodo di migliaia di meridionali che di fatto hanno messo a repentaglio la salute della popolazione meridionale dal contagio del corona virus.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento