Controlli al porto di Catania

Nella giornata di ieri ,il personale del Commissariato Borgo –Ognina di Pubblica sicurezza ha effettuato una serie di controlli dentro il porto di Catania con l’obbiettivo di contrastar eil fenomeno dei reati in materia di sicurezza del lavoro.
Qundi sono state rilevate inadempienze presso un cantiere navale all’interno di un capannone dove er stata destinata un’officina di riparazone navale, il suddetto capannone risultava in cattivo stato di conservazione strutturale per la presenza di copertura in amianto e di fessurazioni.
Inoltre, l’ambiente non è risultato sufficientemente areato per l’assenza sulle parete di finestrature; ancora all’interno del locale sono state trovate parecchie attrezzature di lavoro che non rispettano i requisiti essenziali di sicurezza, il cui uso può risultare pericoloso durante l’utilizzo degli operatori. Sono stati trovati inoltre contenitori di solventi e benzina in stato di completo abbandono e a rischio incendio/esplosione poiché in concomitanza è stato accertato un impianto elettrico in pessime condizioni.
Sono stati rilevati anche contenitori di solventi e benzina in completo stato di abbandono accertando anche la presenza di rifiuti speciali pericolosi come oli e grassi che venivano riversati in mare. Il locale è stato interdetto all’uso a tutela dei lavoratori. Il proprietario e il procuratore del cantiere sono stati denunziati per gestione illecita di rifiuti ai sensi dell’art. 256 del D.Lgs 152/2006, occupazione abusiva di specchio acqueo art. 54 e 1161 codice navigazione, oltraggio a pubblico ufficiale e 3 reati in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro ai sensi del decreto 8172008.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci