Con la TAV il M5S è ad un bivio

Matteo Salvini torna alla carica intenzionato a fare valere il voto delle Europee, ma Toninelli dichiara: “Non torno indietro sulla TAV”.
Ma è anche sulla Flax Tax e sul Decreto sicurezza che l’impegno di Salvini rispunta,”Se fosse stato un referendum l’esito mi pare chiaro […]. sulla TAV;Credo che il progetto possa essere rivisto, rimodulato nel nome del risparmio e dell’impatto ambientale […]. E sono sicuro che dall’Unione europea si possano avere altri fondi”.
Decisamente di diverso avviso il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli che ha deciso di difendere la via del No, legittimata dall’ormai famigerata analisi costi-benefici che ha convinto il premier Conte a sospendere i lavori per la realizzazione dell’opera.
I risultati elettorali delle Europee sembrano però mettere in discussione la politica del no del Movimento Cinque Stelle per quanto riguarda il Treno ad Alta Velocità e il TAP. Nelle terre delle grandi opere, come evidenziato anche da Matteo Salvini, hanno trionfato i partiti del sì. Difficile ignorare che a Susa la Lega si è affermata come primo partito, un risultato rafforzato da quello regionale che ha visto la vittoria di Cirio del Centrodestra per la corsa al ruolo di governatore del Piemonte.

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci