Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

COMMISSARIATO LIBRINO: DUE PERSONE DENUNCIATE PER RICETTAZIONE AGGRAVATA

Nei giorni scorsi ignoti, nottetempo, avevano compiuto un furto d’ingente valore presso alcune ditte allocate nella quinta strada della zona industriale.
In particolare, ad essere presa di mira era stata una ditta che commercializza prodotti di cosmetica professionali per parrucchieri, alla quale venivano sottratti numerosi colli per circa 500 pezzi, per un controvalore quantificabile in 3.000 euro circa.
I responsabili della ditta depredata, nello sporgere denuncia di furto presso il Commissariato Librino, informavano gli agenti che una loro dipendente, incidentalmente, aveva visto esposti in vetrina prodotti delle loro linee in un negozio del centro cittadino che non risultava essere fra gli esercizi da loro riforniti. Appreso quanto sopra gli uomini del Commissariato Librino approfondivano gli accertamenti, recandosi presso il negozio indicato e, dopo avere verificato l’effettiva presenza dei prodotti in questione, chiedevano al titolare di dimostrarne la provenienza.
A questo punto l’esercente non poteva che ammettere che quella merce gli era stata venduta, in circostanze poco limpide, da un uomo, a lui sconosciuto, che aveva spacciato quei prodotti come uno stock proveniente da un fallimento, riservandosi di fargli avere la fattura non appena possibile.
Le immediate successive indagini degli agenti del predetto Commissariato permettevano d’individuare l’uomo indicato dall’esercente per T.A., classe 1978, sorvegliato speciale, gravato da innumerevoli pregiudizi penali; la successiva perquisizione eseguita presso il domicilio di quest’ultimo permetteva di rinvenire oggetti e altri riscontri riconducibili alla merce trafugata e rinvenuta presso il suddetto esercizio commerciale.
Pertanto, sia il titolare del negozio ove la merce rubata è stata rinvenuta, sia il pregiudicato T.A., venivano deferiti all’A.G. per ricettazione aggravata, mentre la refurtiva, quasi interamente recuperata, veniva sottoposta a sequestro e affidata in giudiziale custodia ai titolari della ditta che ne aveva subito il furto, in attesa che la locale Procura della Repubblica disponga il dissequestro e la restituzione agli aventi diritto.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci