CI CENSURANO

Sfratti-Pignoramenti è il binomio costante che mette in risalto la politica abitativa in Sicilia, e a Catania in modo particolare. Stando ai numeri del “binomio” si potrebbe tranquillamente affermare che siamo di fronte ad un catastrofico fallimento politico: a Catania, nell’ultimo anno, ci sono stati 2600 sfratti, in tutta la Sicilia 7200. In realta’ la situazione è ancora più grave, perché siamo di fronte ad una totale assenza da parte delle istituzioni comunali e regionali.
A Catania non esiste alcun Piano comunale abitativo, di fatto, da tempo l’Istituto Autonomo Case Popolari risulta non pervenuto.
Le graduatorie per l ‘assegnazione di una casa popolare (ma, a Catania, ci sono case popolari popolari da assegnare?) sono dei rebus da “strizza cervelli”, la questione abitativa è affrontata come un’ emergenza esplosa all’improvviso, dando vita a fantomatiche “cabine di regia”, dove le registe e i registi, in gran parte, sono coloro – dagli amministratori comunali ai rappresentanti di quei sindacatii che hanno avuto assessori in giunta – che, da decenni, hanno certamente contribuito all’ esplosione dell’attuale “emergenza casa”. Questa è la città dove il “Palazzo di cemento” di Librino , da sempre, è puntualmente utilizzato – sta accadendo anche in queste ore – come referente per promettere un tetto a chi non ha un tetto, e che, magari , dorme con la famiglia dentro l’abitacolo della propria auto o in un garage o in un sottoscala. Referente ghiotto , utilizzato nelle illusorie “cabine di regia” .
In questo contesto, da oltre un anno ASIA , Associazione Inquilini e Abitanti, dell’USB chiede al Comune, alla Prefettura e all”IACP di essere convocata ogni qualvolta venga trattata la questione abitativa. Nessuno degli enti interessati ha mai risposto alla nostra legittima richiesta , mentre continua la consueta routine delle cabine di regia, delle conferenze autoreferenziali e della strumentalizzazione del disagio sociale, della povertà, con il miraggio di un appartamento nel Palazzo di cemento.
Chiedendo, per l’ennesima volta , al Comune, alla Prefettura e all’IACP di convocarci siamo decisi ad adottare forme pubbliche di protesta, se continua a persistere questo vero e proprio atto di censura nei confronti di ASIA USB, che nella pratica di tutti i giorni, è anche il sindacato casa più rappresentativo in Italia.

Redazione Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Paternò: Festival letterario.

3 Ott di Patrizia Orofino

Spaghetti alla “Ognina.”

21 Ago di Patrizia Orofino

Scacciata estiva, perchè no?

2 Ago di Patrizia Orofino

Il Diritto a portata di mano

Annunci