Catania Pride 2019: commemorando Stonewall.

L’amore, quello vero non conosce genere o razza, ma nella sua più alta manifestazione di sentimenti oltre ogni confine, continua a lottare contro il falso perbenismo, che cerca ancora di relegare apostrofando chi per sua scelta personale, decide d’amare secondo il proprio cuore un partner dello stesso sesso. Sta per arrivare il 29 Giugno prossimo a Catania, la sfilata più colorata e stravagante che si ripete da circa vent’anni. La manifestazione annuale del Gay Pride, porta con se una storia di riscatto e di eguaglianza tra delle comunità LGBT globale. Ogni racconto basato su avvenimenti reali, vuole essere fautore di valori umani che, devono rimanere ed essere ricordati nel tempo, per non perderne la memoria storica di chi ha vissuto sulla propria pelle l’emarginazione di genere; infatti a coloro i quali ascoltano, testimonianze risalenti fatti, date e luoghi, lo resta sempre scopo principale resta sempre, mantenere nel tempo e nelle generazioni odierne e future, insegnamenti d’ esempio e di onorabilità solidale. In questo caso, parleremo della nascita del Gay Pride; (orgoglio gay) erano gli anni della contestazione, ( anni sessanta) quando una rivolta, diede vita ai diritti per le parità di genere sessuale, conquistata dalle comunità LGBT. La città di Stonewall, nel Greenwich Village, storico quartiere di New York, oggi divenuto luogo simbolo, perchè nella notte del 28 Giugno del 1969 fu protagonista di una vicenda scottante; uomini gay, donne lesbiche e trans, ufficialmente per la prima volta, affermavano la propria identità sessuale, chiedendo alle autorità politiche, ma anche alla gente comune, che venisse loro riconosciuta pari dignità come ogni essere umano a prescindere dal loro modo di sentire ed amare. Nell’immaginario collettivo, e per chi non conosce i fatti, si potrebbe pensare solo ad un fenomeno grottesco legato a quella generazione, non fu così. Allo “Stonewall Inn” noto locale (frequentato da omosessuali, lesbiche e trans) quella sera come di consueto, era piena di gente, e i controlli della polizia che aveva avuto l’ordine di controllare la “decenza” di quel posto, cominciò la sua “ronda” come d’abitudine, ma qualcosa andò storto. La polizia oltre a controllare i presenti, e schedarli solo perchè gay, sottolineando che, spesso anche le vite private di queste persone venivano rese pubbliche, col consenso delle autorità, e di alcuni giornali, calpestando la dignità e sottoponendoli ad umiliazioni continue. Ad un certo punto, il lancio di una bottiglia, portò all’arresto di una “buch” ovvero una donna lesbica cosidetta mascolina, Stormè DeLarverie, questo il suo nome, si lamentò per le manette troppo strette ai polsi, fu colpita con il manganello in testa e gridò a gran voce:-“perchè non fate qualcosa?” E qualcosa finalmente successe; ci furono tafferugli, botte ed arresti quella notte, ma la cosa più importante fu quella della resilenza dimostrata dalla comunità LGBT, e la determinazione che spinse intere folle di persone a riversarsi per le strade di New York, dando così vita ai “moti di Stonewall”ed alla nascita del gay pride, ma anche l’affermazione e divulgazione in tutto il mondo dei movimenti pro pride, come: “STAR” (street transvestite action revolutionaries) e del fronte di liberazione omosessuale, che di li a poco approdò anche in Europa negli anni settanta, ed in Italia con l’affermazione del Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario italiano; il primo gay pride ufficiale tuttavia fu organizzato nel 1994 a Roma, con la dicitura “GAY PRIDE,” ma pochi sono a conoscenza che, il primissimo pride nazionale fu organizzato nel 1981 a Palermo a Villa Giulia, ed il manifesto d’entrata inneggiava alla ” festa dell’ orgoglio omosessuale,” traduzione letterale appunto di: ” Gay Pride.” La prima manifestazione civile in Italia, partì dal nostro capoluogo siciliano. Senza quella sommossa, non ci sarebbe stato un inizio di liberazione, per la comunità LGBT, ecco il perchè viene scelto il mese di Giugno per organizzare l’evento pride; portare avanti una manifestazione, nel nome di chi cominciò la lotta per primo, per la libertà sessuale e la parità di genere. Il messaggio di uguaglianza ereditato dagli avvenimenti di Stonewall, va motivato anno per anno, proseguire nella lotta nel rispetto e nel ricordo di tutti quei ragazzi, uomini e donne che venivano buttati fuori di casa proprio perchè omosessuali, ricordarli è l’unico modo per non dimenticare quanto è avvenuto e quanto sarà ricordato il 29 Giugno prossimo. Con l’anniversario del primo mezzo secolo dell’orgoglio gay, siamo tutti invitati al Pride 2019 nella città etnea. Catania vi aspetta con le bandiere arcobaleno da sventolare, in nome dei diritti e dell’amore.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

I Samaritani

Il Fatto

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Il Diritto a portata di mano

Annunci