Bach, Vivaldi, Gluck e Mozart. I “fantastici quattro” per l’Orchestra da Camera Orfeo di Domenico Famà

COMUNICATO STAMPA

Nata nel 2020 per volere del Maestro Domenico Famà, l’Orchestra da Camera Orfeo sarà ospite – martedì 7 settembre 2021 alle ore 21.00 a Palazzo Platamone – della Società Catanese Amici della Musica e del Teatro Massimo Bellini di Catania, fautore della rassegna estiva “Bellezza, Belcanto, Bellini”. Tredici elementi comporranno la formazione orchestrale che prende il nome dall’omonimo personaggio della mitologia greca e che annovera nel suo repertorio i principali autori barocchi e classici. «L’idea di creare un gruppo di musicisti stabili – spiega il Maestro Famà – ha preso corpo nel 2018 quando mi hanno chiamato a dirigere l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania per un concerto sinfonico. Da quel momento con il concertino del Teatro, Salvatore Domina, ho cominciato a pensare alla possibilità di coinvolgere una nuova generazione di professionisti, dai 25 ai 35 anni, con i quali affrontare il repertorio vero, quindi Bach, Mozart, Vivaldi, Beethoven e crescere insieme».

Il trentaduenne Domenico Famà, che ha già in curriculum una lunga carriera da chitarrista e compositore oltre che di stimata bacchetta, ha scelto un programma molto articolato che si aprirà con un omaggio al padre della musica, Johann Sebastian Bach, del quale sarà eseguita l’Aria dalla Suite n. 3 in Re maggiore anche nota come “Aria sulla quarta corda” per la trasposizione che ne fece in seguito il violinista August Wilhelmi. «Cominciare con una composizione così famosa, che fra l’altro comprende esclusivamente strumenti ad arco, – evidenzia – non è solo una scelta stilistica o formativa ma è doveroso nei confronti del più importante compositore di epoca barocca. A questa seguirà il Concerto per flauto e orchestra in La minore di Antonio Vivaldi. Meno conosciuto di brani come il “Cardellino” o “La notte”, la sua particolarità risiede nel fatto che il complesso orchestrale non accompagna soltanto il flauto solista, suonato per l’occasione da Enrico Luca, ma intrattiene con quest’ultimo un vero e proprio dialogo. Inoltre, presenta delle sonorità che lo rendono più moderno di un tradizionale concerto barocco, con una richiesta di suono maggiore che ben si sposa con il nostro modo di suonare alla tedesca». A chiudere la prima parte dell’evento sarà la Danza degli spiriti beati tratta dall’“Orfeo ed Euridice” di Christoph Willibald Gluck. « La Danza, che inizia e si conclude con un minuetto mentre in mezzo si colloca la famosa melodia in Re minore, – spiega Famà – venne aggiunta nella terza edizione dell’opera per adeguarsi agli usi musicali francesi. Oltretutto funge da collante con il resto del programma, visto che Gluck, coevo di Wolfgang Amadeus Mozart, aveva già sviluppato un linguaggio più leggero e vicino allo stile galante». La seconda parte della serata sarà quindi dedicata al compositore austriaco del quale saranno eseguite Eine kleine Nachtmusik K. 525, serenata in Sol maggiore composta nel 1787, e il Divertimento K. 136 in Re maggiore, scritto da Mozart a sedici anni. «Si tratta di un repertorio molto noto – chiosa – che non ammette alcun margine d’errore. E difatti all’inizio ero un po’ spaventato. Lavorando in questi mesi con l’Orchestra, invece, mi sono reso conto di come fosse perfettamente in grado di affrontare le insidie della scrittura mozartiana, soprattutto nel “Divertimento”, che presenta passaggi estremamente virtuosistici per gli archi. Mi fido molto dei miei musicisti e sono sicuro che il risultato piacerà molto anche al pubblico».

Società Catanese Amici della Musica: Istituzione fra le più prestigiose in ambito cameristico e sinfonico, la SCAM, vanta una lunga storia iniziata nel lontano 1935 per volere del professore Guido Libertini. Oggi sotto la guida del critico musicale Anna Rita Fontana, subentrata al compianto Tony Maugeri, che ne è stato presidente per oltre vent’anni donandole l’esclusiva del Premio internazionale “Bellini d’oro”, pur mantenendo una grande attenzione per il canto lirico porta avanti la riscoperta del patrimonio musicale locale e la valorizzazione di artisti siciliani aprendosi sempre più alle interazioni tra le varie espressioni artistiche, in un’ottica di respiro internazionale.

Domenico Famà: si è diplomato in chitarra classica con il massimo dei voti al Conservatorio “Stanislao Giacomantonio” di Cosenza, studiando con Pietro Morelli e Orazio Carrara, e diventando successivamente allievo del chitarrista/compositore Angelo Gilardino alla “Scuola Superiore di Musica Vallotti” di Vercelli. Ha conseguito il diploma di direzione d’orchestra all’ “Italian Conducting Academy” di Milano con Gilberto Serembe, studiando composizione con Enrico Dibennardo. Laureatosi a Catania in didattica della musica con il massimo dei voti e la lode, ha frequentato corsi di perfezionamento tenuti da Luigi Attademo, Guido Salvetti, Lucio Matarazzo, Giulio Tampalini, Fabio Federico e Gaelle Solàl.

Nel 2018 ha debuttato come direttore d’orchestra al Teatro Massimo Bellini di Catania, ospite in un concerto sinfonico dedicato a Mozart, Rossini, Verdi e Bellini e due anni più tardi ha dato vita all’Orchestra da Camera Orfeo, una formazione orchestrale stabile costituita da professori d’orchestra e giovani strumentisti, con cui ha lavorato a diverse produzioni di repertorio barocco e classico, tra cui lo “Stabat Mater” di Pergolesi per l’Associazione Mozart Italia.

Nel maggio 2021 è uscito “Fragments de temps”, suo primo progetto discografico ispirato al repertorio cameristico francese di primo Novecento per la Da VinciPublishing.

Apprezzato interprete del repertorio per chitarra sola del XX e XXI secolo, è dedicatario di diverse nuove composizioni.

Ufficio Stampa a cura di Laura Cavallaro.

 

 

 

 

 

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci