Arrivano importanti fondi per 9 Comuni del Calatino

CALTAGIRONE – Arriveranno presto 2.129.461,33 euro per gli appartenenti alle fasce più deboli del territorio, che vive una fase di grandi e gravi difficoltà sotto molteplici aspetti. Sono le risorse che, nei prossimi due anni (2017 e 2018) i Comuni del Distretto socio – sanitario D13 (oltre al capofila Caltagirone, anche i Comuni di Grammichele, Vizzini, Mirabella Imbaccari, Mineo, San Michele di Ganzaria, Mazzarrone, San Cono e Licodia Eubea e il Distretto sanitario dell’Asp) utilizzeranno (una minima parte è stata già spesa negli ultimi mesi) per andare incontro alle esigenze di chi ha meno. Le somme in questione, frutto del Piano di zona 2013 – 2015 così come integrato con nuove risorse economiche, alimenteranno quattro azioni progettuali, come stabilito dall’accordo di programma per l’adozione dell’implementazione del Piano di Zona del Distretto socio – sanitario D13, firmato stamani dai rappresentanti dei Comuni di Caltagirone (il sindaco Gino Ioppolo e l’assessore al Welfare Concetta Mancuso), Grammichele (l’assessore Giuseppe Branciforte), Vizzini (il sindaco Marco Aurelio Sinatra), Mineo (il sindaco Anna Aloisi), San Michele di Ganzaria (l’assessore Michele Giongrandi), Mazzarrone (l’assessore Pina Buonvicino), San Cono (il sindaco Nuccio Barbera e l’assessore Gesualdo Nitro) e Licodia Eubea (il sindaco Giovanni Verga e l’assessore Sebastiano Greco) e dal direttore del Distretto di Caltagirone dell’Asp, Francesco Cappella. Le somme saranno così ripartite: 286.000 euro per il rafforzamento del Servizio sociale professionale e i servizi di mediazione linguistica e culturale; 586.786,02 euro per i servizi di educativa familiare a favore dei minori, per prevenire e fronteggiare le difficoltà, in termini di inserimento sociale dei più piccoli, causate dalle limitate capacità dei genitori; 416.875,19 euro per progetti di sviluppo dell’autonomia personale destinati ai soggetti svantaggiati e agli anziani, a cui corrispondere buoni sociali per lo svolgimento di attività socialmente utili; 839.000 euro per il contrasto alla povertà e all’esclusione sociale attraverso una serie di iniziative che vanno dall’assegno civico, ai contributi per gli alloggi, ai buoni spesa, ai contributi economici straordinari e altro ancora. Eletto pure il Collegio di vigilanza, costituito dai rappresentanti dei Comuni di San Cono, San Michele di Ganzaria e Grammichele. «Nella situazione attuale – sottolinea l’assessore di Caltagirone, Concetta Mancuso – abbiamo concordato sull’esigenza di una forte azione d’aiuto a chi versa in condizioni di povertà, e i numeri sono purtroppo in crescita, e rischia di restare ai margini del contesto sociale, per favorirne l’uscita dalle condizioni di disagio e la piena inclusione».

Immagine: fonte flickr / autore pom angers

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci