18 Marzo: giornata nazionale dedicata alle vittime del covid-19.

Oggi 18 Marzo, è la giornata nazionale, dedicata alle vittime del covid. Giornata voluta dalle nostre istituzioni, per commemorare gli italiani deceduti in questo anno di terribile pandemia. Milioni di morti in tutto il mondo ed in Italia le statistiche sono a tutt’oggi altalenante, sicuramente le norme igienico-sanitarie e la campagna appena avviata sulla vaccinazione, sta dando i suoi primi segnali positivi di regressione pandemica. Ricordiamo insieme, tutti gli italiani tra cui anche personale sanitario, morte per questo virus. In occasione abbiamo coinvolto il giornalista e scrittore Santo Privitera che ha voluto ricordare le vittime con una sua poesia popolare in lingua siciliana. Ringraziandolo anticipatamente per avercela offerta la pubblichiamo con piacere.

PRIJERA
…E arrivò lu tempu do’ coronavirus
finiu ca ‘a la casa áma ristari
vulemu ancora tempu ppi campári
vulemu ancora tempu ppi vasári.

Chi cosa tristi capito’ ‘ a stu munnu
non sacciu chiddu ca vulissi fari;
semu ‘a lu scuru fittu cchiu prufunnu
non ci su lacrimi ca ponnu bastari.

Stu mostru trimendu è comu lu spiddu
Ti scinni d’intra e ti lassa muríri,
non ‘n’haia vistu mai peggiu d’iddu
t’afférra ‘u cori e lu fa accupari.

Non c’e’ ‘n vaccinu, non ci su rimedi
e li duttura non ci ponnu nenti;
mórunu puru iddi mischineddi
purtanusi ‘ntra l’amma raggia e turmenti.

La morti sta passannu tra li casi
Cu la so’ fauci lesta e affilata
‘nta li spitali e’ longa la jurnata
casca la genti sula e dispirata.

Prijeri ‘ni facemu tanti e tanti
riuggènnuni ‘a Maronna o puru e Santi.
Oh granni Ddiu tu Onniputenti
scaccia ppi carità stu gran sippénti
ppi ttia, ‘u sacciu, non ci voli nenti;
…e sta minazza sparisci ppi sempri!

Santo Privitera.

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci