Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT83L0538726201000047571528 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

Arrestati Dirigenti della “Munnizza” di Catania

L’Inchiesta Garbace Affarire inerente un giro di tangenti che riguardavano la “munnizza “catanese si è chiusa oggi con degli arresti eccellenti tutti ricollocabili al cerchio magico del Sindaco dell’area Metropolitana di Catania in quale è bene dirlo non è assolutamente indagato per questa vicenda. Però suoi fedelissimi sono stati arrestati; Orazio Fazio, responsabile dei Servizi esternalizzati della direzione comunale Ecologia, Massimo Rosso, ragioniere generale del Comune di Catania, ai domiciliari con l’accusa di corruzione, e sospeso anche lui dall’incarico per dodici mesi. le accuse di turbata libertà degli incanti e corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Assieme a Loro anche due imprenditori : Antonio Deodati imprenditore Romano e amministratore della società Ecocar a Antonio Natoli dirigente consorzio Senesi e dell’amministratore delegato Rodolfo Briganti. In Pratica i due imprenditori della Munnizza facevano peggio di due commari di un condominio mentre parlavano male l’uno dell’altro nel frattempo corrompevano i due dirigenti del comune; favori in cambio di Computer, telefonini di ultima generazione , affitti di appartamenti a Roma per le figlie e assunzioni di comodo per i fidanzati delle figlie.
In cambio ovviamente i dirigenti chiudevano e facevano chiudere un occhio durante la raccolta dei rifiuti e ovviamente il prezzo della tassa della “munnizza” lievitava, già perché gli aumenti che noi cittadini paghiamo dovevano coprire le malefatte di questi criminali. Le intercettazioni parlano chiaro; «Lui (Deodati, ndr) mi ha detto tante volte: “Minchia, Massimo non mi ha chiesto niente”. Minchia, non gli ha chiesto niente?». L’interlocutore scoppia a ridere: «I figli là, la casa, minchia non gli ha chiesto niente… è un coglione» Natoli fa due conti: «Una casa là gliela sta pagando lui, e non sono 20mila euro l’anno? Moltiplica per il numero di anni».
Il resto delle intercettazioni è sullo stesso piano da dove si evince che i rapporti di forze pendevano tutte dalla parte di Ecocar nonostante la Senesi fosse la Capogruppo.
Unanime il giudizio politico nei confronti della Giunta Bianco”rassegni le dimissioni”

Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Ti potrebbe anche interessare...

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci