Per sostenere i progetti di pulizia del mare e delle spiagge sostieni la Federazione Armatori Siciliani con un bonifico volontario al codice IBAN IT90V0617526201000000445380 intestato a “Federazione Armatori Siciliani” costituita con atto pubblico in data 15-07-1991.

12 mila Aziende Ittiche a rischio. “Pescatori in Quarantena”

12 Mila Aziende ittiche  e oltre n.  30 mila lavoratori a rischio

Pescherecci fermi dal 13-03-2020   all’ interno dei Porti di tutta Italia con avvenuta comunicazione di Arrivo ai vari Comandi di Guardia Costiera – Capitaneria di Porto .

La speranza per il lavoratori è avere riconosciuta una sorta di cassa integrazione speciale o indennizzo causato prima dal panico e poi dall’ emergenza VIRUS, presunta emergenza sanitaria per l’intera popolazione.
Al momento non c’è nulla di ufficiale per ciò che riguarda un eventuale forma di ristoro alle barche e ai pescatori e inoltre il decreto a  parere di molti è poco chiaro .

L’Associazione PESCATORI Marittimi Professionali ha depositato in data 12-03-2020 un’Istanza formale di richiesta di ammissione/accesso  al  “Fondo Vittime emergenza coronavirus “ –  richiesta di aiuto a lavoratori e Imprese Ittiche.

Questo periodo di “fermo forzato”  –  comunica il Presidente dell’ A.P.M.P. –  potrebbe essere utilizzato ad esempio come  “fermo biologico per il ripopolamento ittico”   da estendere a tutti i sistemi di pesca e, eventualmente proporre di, fare lavorare solo chi può garantire la fornitura a supermercati e ipermercati a seguito di vecchi accordi e nuovi contratti  e/o chi,    ottenute le dovute garanzie sanitarie,  vuole svolgere un servizio essenziale utile alla comunità e dunque del fabbisogno nutrizionale.

L’AssoPescatori ha anche avanzato la proposta di istituzione/creazione di nuovi mercati all’aria aperta – mercati del pescatore da attivare all’interno dei Porti, che venga creata un APP  istituzionale  dove l’utente consumatore  può mettersi in contatto direttamente con i pescherecci e dunque in grado di poter  avere notizie in tempo reale relative alla richiesta di  fornitura di pesce fresco locale e dunque  poter prenotare il prodotto alimentare e riceverlo direttamente a casa.

Per fare tutto questo – afferma Fabio Micalizzi Presidente dell’ A.P.M.P. –  a noi serve collaborazione e l’aiuto delle ISTITUZIONI Nazionali e in particolare l’aiuto dal Ministero delle Politiche Agricole e, l’aiuto dai Governatori Regionali oltre che dai Sindaci, che, tutti insieme potrebbero utilizzare i Fondi Europei destinati al comparto che spesso vengono utilizzati per progetti inutili e spesso realizzati solo in parte,risorse che ad oggi non hanno prodotto alcun beneficio concreto e visibile al comparto.

A nostro parere – prosegue Micalizzi – non servono fondi straordinari,in quanto  basterebbe utilizzare bene le risorse europee che già ora ci sono, ma, che nel caso della nuova idea progettuale proposta dall’ A.P.M.P.  porterebbe sviluppo economico e lavoro nel settore che d’ora in poi dovrà cambiare pelle, ma, per poter ottenere risultato concreto,  serve semplicemente solo  la collaborazione diretta di tutti i pescatori e armatori, in sintonia con le autorità politiche.

I lavoratori fiduciosi di buon futuro,  continuando comunque a offrire disponibilità e collaborazione al Governo Nazionale e a tutti i Governi regionali oltre che alla Protezione Civile, nel caso di aggravio dell’emergenza sanitaria, proponendo un servizio essenziale (con le dovute garanzie) per il bene comune e fabbisogno della popolazione..

L’ A.P.M.P. chiede di essere inviata in tutte le future conferenze di servizio utili al comparto, chiede di poter partecipare a tutte le future commissioni tematiche, nonché di essere sentiti in audizione nelle Commissioni presso il Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Regione, Comune, Prefettura ecc..

Alfio Fabio Micalizzi
Sorry! The Author has not filled his profile.

Lascia un commento

Migdalor/Faro – Rubrica di Ebraismo

I Samaritani

Annunci

Il lato oscuro di musica e letteratura

Il Libro

La linea della fertilità

Annunci