Banner Estate in Città

“Sei personaggi in cerca d’autore” di Michele Placido

CATANIA – Mercoledì 11 ottobre 2017, alle ore 11,00, al Teatro Verga di Catania, si svolgerà la presentazione alla stampa e al pubblico della nuova produzione di “Sei personaggi in cerca d’autore”, uno spettacolo firmato da Michele Placido, regista e protagonista dell’allestimento teatrale. Un privilegio unico per incontrare il grande artista, che ci racconterà le motivazioni e le scelte della sua mise in scene. Alla presentazione la vicepresidente del TSC Lina Scalisi. Sarà presente l’intera compagnia impegnata nello spettacolo, un nutrito cast diviso nei due blocchi – i personaggi appunto e la compagnia teatrale. Il debutto sarà il 17 ottobre ore 20.45. I “Sei personaggi in cerca d’autore”di Luigi Pirandello è considerato unanimemente come una delle prove più alte e significative dell’intera poetica del suo autore, che vi condensa con abilità e maestria rare il tragico e comico (come nell’Enrico IV), l’adozione di un punto di vista umoristico, la molteplicità infinita del reale e la sua intima relatività, l’opposizione tra la “forma” e la “vita” come radice dei drammi umani. Se l’esordio di questa “commedia da fare” – così recita il sottotitolo, ad indicare cioè un’opera non compiuta, inconclusa, aperta; insomma, non fissata in una “forma” – fu difficoltoso, come ci raccontano le cronache dell’epoca , la sua affermazione e il suo successo di botteghino è senza pari; la svolta metateatrale di Pirandello è del resto una rivoluzione per l’intero teatro borghese ed europeo del tempo. Da un lato, le scelte narrative fanno saltare gli schemi convenzionali, mettendo sul palco di un teatro di prosa un gruppo di attori che prova la commedia pirandelliana Il gioco delle parti, commentandola esplicitamente come del tutto incomprensibile. Oltre agli attori e al direttore-capocomico, arrivano in teatro sei nuove persone che si presentano come sei personaggi nati dalla fantasia di un autore, che però li ha poi abbandonati. I sei “intrusi” esprimono allora il loro desiderio che il capocomico si sostituisca all’autore e faccia recitare il loro dramma alla compagnia.
(La scansione della commedia in parti è fluida, smentendo la tradizionale divisione in atti e scene, con solo due interruzioni che hanno le fattezze della casualità?). In particolar modo, i personaggi non si rispecchiano negli attori e nella loro recitazione, tanto da entrare in conflitto con tutti e da sovrapporre realtà e finzione, commedia da interpretare e commedia che si sta vivendo, ruolo da interpretare e maschera che si assume più o meno consapevolmente. Ed è per questo che tutte queste divagazioni metanarrative creano quel senso di straniamento critico nello spettatore, che non può immedesimarsi nelle vicende e nei sentimenti rappresentati. E a chiudere questa fase cruciale della poetica pirandelliana, è l’autore stesso che afferma: non interessava affatto me. E che cos’è il proprio dramma, per un personaggio? Il dramma è la ragion d’essere del personaggio; è la sua funzione vitale: necessaria per esistere. Io, di quei sei, ho accolto dunque l’essere, rifiutando la ragion d’essere. Da martedì 17 ottobre a martedì 31 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare...