CISL e Fit : No! ad una guerra tra lavoratori

Non trasformare le legittime aspettative dei 105 del bacino prefettizio in una guerra tra lavoratori con i dipendenti del Consorzio Seneco, si eviti ogni possibile strumentalizzazione e intervengano le istituzioni per risolvere, con il buon senso delle parti, la delicata questione che si sta volgendo ai danni dell’intera città.
È quanto auspicano Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania, e Mauro Torrisi, segretario territoriale della Fit Cisl etnea, preoccupati della piega che sta prendendo la vicenda, con i disagi vissuti da tutti i lavoratori e con le ripercussioni sul decoro della città.
«Comprendiamo la disperazione dei lavoratori del bacino – aggiungono – e continuiamo a essere loro vicini e a rappresentarne i diritti, sempre all’interno di un percorso improntato al rispetto delle regole del confronto civile, che salvaguardi tanto gli stessi lavoratori, quanto quelli del Consorzio e l’intera città di Catania».
«Dopo la mediazione del sindaco Bianco – concludono Attanasio e Torrisi – è auspicabile che la Prefettura solleciti i commissari del consorzio a risolvere la questione o consentendo l’impiego dell’intero bacino di lavoratori o, quanto meno, rendendo più trasparenti le procedure di scelta di chi avviare al lavoro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare...

I Samaritani

I Samaritani

2 Giu di Claudio Shamoowwel Schillaci

Annunci

ADV: Il mistero dell'Accorano

Il lato oscuro di musica e letteratura

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Il Diritto a portata di mano

Annunci

ADV: Il mistero dell'Accorano