Bianco ospite a Citta Insieme

 

Si è svolto presso il salone di Citta Insieme, il secondo incontro con i canditati all’elezioni di sindaco della città di Catania e i cittadini. Questa volta ha partecipato il Sindaco uscente, Enzo Bianco moderatore il giornalista Antonio Condorelli, Padre Resca ha fatto gli onore di casa, il quale dopo un’introduzione fa la domanda classica che ha già fatto e che farà a tutti i canditati invitati “ chi finanzia la sua campagna elettorale”?
Antonio Condorelli invece esordisce “Perché si ricandida per un secondo mandato”?
Bianco, che ha fine serata mi è parso visibilmente stanco risponde” perché la prima volta avevo presentato un programma che per attuarlo necessità di due mandati, 10 anni, quindi mi rimetto in gioco per completare quello che ho iniziato. Debbo dire- continua- che ho trovato una situazione molto critica sull’orlo del dissesto, nel 2000 quando ho lasciato la Sindacatura, per impegni istituzionali , i conti erano in attivo con 4 milioni di € di cassa, mi sono ritrovato invece 5 anni fa con un disavanzo di 140 milioni di € e dei trasferimenti di fondi da parte dello Stato e della Regione diminuiti di almeno due terzi” iniziando a sciorinare numeri e dati che stavano facendo annoiare il pubblico. L’Attenzione però risale, quando il Sindaco afferma che con una situazione di quel genere, dichiarare il dissesto era palese e necessario però non poteva farlo, significava rovinare molte ditte che avevano dato credito al comune, oggi tra economia, trasferimenti e la ricerca di altre risorse è riuscito a pagare l’80% delle ditte che vantavano crediti con il comune, dimezzando anche i tempi di pagamento.
Continua il fuoco di fila di Antonio Condorelli, dove Enzo Bianco in tutta onestà ne esce vincitore, alla domanda del giornalista sulla legalità all’interno del Comune riferendosi chiaramente ai fatti di cronaca che hanno coinvolto uomini vicini al Sindaco, Bianco afferma con forza “ molte di queste inchieste sono nate da mie denunzie, ho la coscienza apposto, forse ha dato credito e fiducia a persone che alla fine non lo meritavano ma posso dire che nessuno di questi fatti mi ha minimamente toccato, anche perché non sono stato minimamente toccato da nessun atto delle magistratura” Condorelli riconoscendo le parole del Sindaco incalza” ma la Corte dei Conti ha contestato il piano di rientro e che il debito si aggira sui 600 milioni di €- cambiando bersaglio- Bianco risponde che si vero, abbiamo ricevuto questa comunicazione ,ma i numeri sono cambiati perché la Corte ha paragonato il nostro bilancio a quello di una ditta privata e comunque abbiamo risposto fiduciosi che la Corte terra conto delle nostre argomentazioni.
Alla fine Bianco risponde alla domanda di Padre Resca sui finanziamenti per la campagna elettorale,” appena le liste saranno presentata darò i numeri ufficiali, ad oggi posso dire che il mio comitato elettorale ha ottenuto 19 mila € perlopiù con piccole donazioni invece mi chiedo da dove vengono i soldi di un mio antagonista che da due mesi ha tappezzato al città con suoi manifesti ? anche perché il mio voto è stato ed è di opinione non di apparato.”
Il fuoco di fila poi continua con i cittadini i quali sono molto più agguerriti del giornalista quindi si passa dagli schiamazzi del centro storico, annoso problema, dall’impianto di depurazione, alla metropolitana alla mancanza di vigili urbani. Si vedeva e si toccava che il pubblico in larga maggioranza non era pro Bianco anche se in base alle sue brillanti risposte ha insinuato il dubbio nell’elettore “il depuratore ora funziona a pieno regime non abbiamo più la procedura d’infrazione da parte della Comunità Europea perché abbiamo dimostrato che stiamo lavorando seriamente per migliorare la rete fognaria con un progetto di 400 milioni di € interamente finanziato, inoltre l’acqua depurata ,mentre prima andava a finire a mare, si parla di 80 litri al secondo oggi grazie ad un progetto di un milione di € è stato creato un sotto passaggio sul fiume Simeto che porta l’acqua all’invaso di Lentini per dare da bere alle campagne, una parte invece, viene riversata per il mantenimento dell’osasi del Simeto che altrimenti andava in secca conservando quell’eco sistema naturale ” Ma si parla anche del Museo Egizio il quale si è già firmato il protocollo d’intesa e che fine anno dovrebbe aprire dato che i lavoro sono quasi del tutto terminati Bianco risponde anche sulla differenziata che si ! in alcuni casi fa acqua ma si cerca di migliorare il servizio e che bisogna avere un po’ di pazienza, che le procedura di assunzione di 40 vigili a tempo determinato verranno fatte per via telematica in modo da baipassare le commissioni, altrimenti influenzabili ma parla anche non solo della metropolitana sua cavallo di battaglia, ma di un progetto che in attesa del completamento darà ossigeno alla tratta , infatti ha fatto una convenzione con F.S. la quale aprirà una stazione presso l’aeroporto in modo che si potrà raggiungere l’aeroporto senza macchina tramite la metro fino alla piazza della stazione per poi prendere il treno . Ma questo era il pensiero di tanti” le f.s. avranno le forze per gestire i convogli , visto come vanno in Sicilia i treni?”
Insomma Bianco ha dato battaglia ad una platea che non era assolutamente a suo favore, c’è riuscito ? questo lo si saprà il giorno dopo le elezioni, quello che si è percepito è che dopo tanto battagliare e non sono mancati i dissensi per le sue risposte è riuscito a mettere il beneficio del dubbio a molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe anche interessare...

I Samaritani

I Samaritani

2 Giu di Claudio Shamoowwel Schillaci

Annunci

ADV: Il mistero dell'Accorano

Il lato oscuro di musica e letteratura

Proposte editoriali

Sulle rive del Mare Chazaro

5 Mar di Suzana Glavaš

La linea della fertilità

Tesori nascosti di casa nostra

Il Diritto a portata di mano

Annunci

ADV: Il mistero dell'Accorano